giovedì 22 dicembre 2011

PANETTONE 2

...finalmente è arrivato il lievito madre... proviamo a fare ancora il panettone, una ricetta diversa, con una lavorazione un po' più semplice ma con tempi di lievitazione molto più lunghi, dovuti all'utilizzo del lievito madre. Per avere una ancora migliore lievitazione, è preferibile rinfrescare il lievito madre il giorno prima, lasciando fuori dal frigo la parte che dobbiamo utilizzare, per fare in modo che si attivi maggiormente.

PANETTONE 2

Gli ingredienti necessari per il primo giorno:
- 180 g di farina manitoba;
- 75 g di lievito madre;
- 45 g di zucchero;
- 85 g di acqua a temperatura ambiente;
- 45 g di burro morbido;
- 2 tuorli d'uovo

Per prima cosa sbattiamo un po' le uova con lo zucchero, aggiungiamo poco alla volta l'acqua e il lievito a pezzetti.
Uniamo man mano la farina setacciata ed iniziamo ad impastare, andando avanti per circa 10 minuti.
Aggiungiamo il burro e, continuando ad impastare, lo lasciamo assorbire.
Trasferiamo l'impasto in una grande ciotola unta di burro e mettiamo a lievitare in un luogo tiepido per almeno 12 ore, fino a che il volume dell'impasto non sarà triplicato.


Gli ingredienti necessari per il secondo giorno:
- 90 g di farina manitoba;
- 45 g  di zucchero;
- 50 ml di latte;
- 8 g di miele;
- 110 g di uva sultanina;
- 70 g di arancia candita a cubetti;
- 70 g di cedro candito a cubetti;
- 4 g di sale;
- 2 g di malto;
- 2 tuorli d'uovo;
- 1 baccello di vaniglia.

Mescoliamo il latte con lo zucchero, il malto, il miele, i tuorli ed i semi che avremo prelevato dal baccello di vaniglia. Montiamo il composto, aggiungendo il sale verso la fine.
Aggiungiamo ora la farina setacciata ed il primo impasto, precedentemente lievitato.
Quando il composto si sarà amalgamato bene aggiungiamo il burro ammorbidito a tocchetti, e lo facciamo ben assorbire.
Uniamo infine i canditi e l'uvetta, che avremo precedentemente fatto ammollare in acqua tiepida e strizzato.
Mettiamo l'impasto in una grande ciotola e lo lasciamo riposare per circa 30 minuti.
Lavoriamo poi l'impasto sul piano di lavoro, dandogli una forma sferica, che poggeremo al centro del pirottino di carta oleata.
Lasciamolo lievitare in un luogo tiepido per circa 8/10 ore, fino a che avrà raggiunto il bordo dello stampo. Facciamo quindi un'incisione a croce sulla superficie, e poniamo al centro una noce di burro.
Inforniamo a 200° per i primi 10 minuti, poi abbassiamo la temperatura a 180° e proseguiamo la cottura per altri 30/35 minuti.
Facciamo particolare attenzione alla cottura; una volta sformato lo lasciamo raffreddare capovolto, appeso ad un ferro da calza.


...questo è il risultato, decisamente di buon livello, soprattutto rispetto alla versione "rapida" con il lievito di birra.