sabato 3 marzo 2012

PESTO ALLA GENOVESE

Un condimento il cui profumo, inconfondibile, spalanca il mondo dei miei ricordi d'infanzia! Per me è una sorta di ritorno alla mia "terra adottiva", lontana anni luce dalla Sicilia natìa, ma accomunata dall'elemento marino, ed altrettanto lontana dal caos meneghino che regna imperante sulla mia vita adulta! Del pesto si trovano in commercio seimila varianti, più o meno buone, più o meno naturali, con ingredienti più o meno "validi". Ognuno bene o male sa di quale fidarsi. Ritengo però che appena ci sia la possibilità, fare il pesto in casa, oltre a dare quel minimo di soddisfazione, faccia davvero la differenza. Ah, il pesto si fa preferibilmente con il basilico a foglia piccola, quello di Albenga (ma non si trova tanto facilmente...); si fa con i pinoli, NON con gli anacardi, le  noci, le nocciole o vattelapesca!



PESTO ALLA GENOVESE 

Gli ingredienti necessari:
- 100 g di basilico;
- 30 g di pinoli;
- 30 g di Parmigiano Reggiano;
- 30 g di pecorino;
- 1 spicchio d'aglio;
- 150 g di olio extra vergine di oliva;
- sale

Per prima cosa laviamo molto velocemente le foglie di basilico e le asciughiamo per bene con un panno. Sbucciamo lo spicchio d'aglio e ne asportiamo il germe. Per scaldare il meno possibile il composto sarebbe meglio, se utilizziamo il mixer al posto del mortaio, mettere recipiente e lame nel freezer per alcune ore, se ne abbiamo la possibilità.
Dicevamo, nel mixer freddo frulliamo l'aglio ed i pinoli con un po' d'olio. Aggiungiamo le foglie di basilico ed ancora olio. Frulliamo il tutto cercando di amalgamare bene tutti gli ingredienti, ma facendo attenzione a non scaldare il composto.
Uniamo poi i formaggi e li incorporiamo per bene, poi mettiamo il pesto in un recipiente e lo copriamo a filo con l'olio, in modo che non prenda a ria e non si ossidi.
Possiamo porzionarlo e congelarlo, in modo da averlo sempre disponibile anche fuori stagione!