giovedì 5 gennaio 2012

LA CARBONARA

...un classico, un mito intramontabile, uno dei piatti simbolo della cucina italiana, conosciuto ed apprezzato ovunque, anche su Marte! Questa ne è la versione nuda-e-cruda, senza cipolla, senza prezzemolo e rigorosamente con il GUANCIALE (c'è quello di cinta senese che è spettacolare!), NON con la pancetta!!!
Le dosi che propongo sono per 4 persone, 4 porzioni normali, oppure per 2 piatti 'come Dio comanda'

LA CARBONARA

Gli ingredienti necessari:
- 300 g di spaghetti;
- 150 g di guanciale di maiale;
- 2 uova;
- 1 bicchierino di panna;
- 30 g di parmigiano;
- 30 g di pecorino;
- pepe nero di mulinello

In attesa che l'acqua bolla e gli spaghetti cuociano, molto al dente, tagliamo a striscioline, non troppo sottili, il guanciale, e lo facciamo sudare in una padella larga con un filo d'olio, in modo che si rosoli leggermente, senza friggere, e che il grasso si vada via via sciogliendo.

In una terrina sbattiamo le uova, uniamo la panna ed il formaggio, fino ad ottenere un composto piuttosto omogeneo.

Scoliamo gli spaghetti molto al dente e li mettiamo nella padella con il guanciale ed i suoi succhi, facendoli saltare per insaporirli bene.

Togliamo dal fuoco ed aggiungiamo il composto di uova, amalgamando bene il tutto. La pasta assumerà una consistenza cremosa, non liquida ma nemmeno troppo asciutta!

Impiattiamo e terminiamo con una generosa macinata di pepe nero.